lodivecchio – casalpusterlengo

lodivecchio – casalpusterlengo

10/12/2019 Off Di Eugenio Lombardo

Risultato finale: 0 – 1

Arbitro: Ferri sezione di Monza

E’ stata una partita gagliarda, quella tra Lodivecchio e Casalpusterlengo, forse non bellissima, ma vera e tosta, franca e senza appelli, in un contesto sicuramente di grande sportività, e che ha sancito in modo definito la leadership della squadra allenata da mister Guglieri, adesso in fuga, ma che dovrà are in conti sicuramente con la Rivoltana, e probabilmente anche con il Montanaso.

E il Lodivecchio? Ottima squadra, quadrata e che ha offerto un buon gioco, venuta fuori forse leggermente alla distanza, perché probabilmente, nell’inconscio, sapere di giocare contro la prima della classe ha forse condizionato la prestazione, allorchè il Casalpusterlengo a centrocampo esprimeva maggiore collettivo, mentre gli uomini di Mister Chitti sembravano divisi in due comparti, con poca interdizione nella propria metà campo, aggredendo solo nella propria zona della mediana.

Impressioni del cronista, ovviamente, poi il calcio ciascuno lo vede a modo proprio.

Più volte inoltre si è vista una sfida nel più ampio match: quella tra l’estremo difensore Gaspare Risalvato, del Lodivecchio, contro l’attaccante Quassy, formidabile nelle sue giocate; più volte il portiere ha tolto la soddisfazione del goal all’avversario del Casalpusterlengo, mantenendo così sempre la partita in bilico. Veramente un portiere con i fiocchi, complimenti!

I primi due affondi sono proprio di Quassy, il primo con efficace scambio con Cheddia, altro giocatore determinante, non solo per il goal-vittoria, ma per quel suo modo di giocare velenoso, a tratti sì ecclissandosi, ma poi emergendo con perfida incisività.

Prova a replicare il Lodivecchio con una bellissima triangolazione, superba apertura del funambolico Spaneshi per il sempre vigile Lodigiani, cross di quest’ultimo per Diop, che tira sull’esterno della rete.

Altra azione pericolosissima del Casalpusterlengo Quassi duetta con Akute, tiro di prima intenzione e respinta in tuffo del solito Risalvato; dal corner giunge uno spiovente per Bianchi, presentatosi dopo lunga e silenziosissima falcata nei pressi dell’area di rigore, e pallone che sorvola la traversa.

Il Lodivecchio assume, nella seconda frazione del primo tempo, maggiore disinvoltura e macina un buon gioco; bella azione ancora tra Spaneshi e Diop, tiro a volo, e a palombella, dal versante destro, e palla che si perde a lato della porta. Forse l’occasione più ghiotta della partita, malamente sprecata.

Il secondo tempo si apre con un Casalpusterlengo più determinato: ancora bel gioco tra Quassy e Akute, chiude provvidenzialmente Angiolini, che ha giocato una partita perfetta.

Nel Lodivecchio entra Nicola Cacciatore, che cerca di tenere ala la propria squadra e di portare aggressività.

Poco dopo inutile fallo a centrocampo di Bakraoui, secondo giallo, e Casalpusterlengo che resta in 10. Il Lodivecchio prende ancora più coraggio, ma la squadra di mister Guglieri si compatta. Quassy reclama un penalty per un contrasto con Angolini, ma l’attaccante sembrava in postura sbilenca ancora prima del contatto e l’arbitro non ravvisa alcuna irregolarità.

Subito dopo, su un batti e ribatti in aerea del Lodivecchio, la palla arriva a Cheddi, controllo, per liberare la propria visuale, e rasoiata imparabile sull’angolino, alla sinistra del portiere, e vantaggio del Casalpusterlengo.                   

Il Lodivecchio prova a reagire, quello più convinto sembra il subentrato Pellitteri, ma non è facile a rimontare questo Casalpusterlengo.

Partita che si conclude, perciò, senza ulteriori squilli, con i tifosi del Casalpusterlengo che fanno festa con i propri beniamini.

Eugenio Lombardo